www.osteriadelcurato.it OSTERIA del CURATO
Quartiere del VII (ex X) Municipio - Roma
www.osteriadelcurato.it

INCROCIO PERICOLOSO
TRA VIA BURRI E VIA CASALE FERRANTI

Un incrocio ad alto rischio, sia per i pedoni che per i veicoli, è quello tra Via A. Burri e Via del Casale Ferranti.

Infatti, provenendo dal sottopasso del Raccordo o da Via S. Nicola dell'Alto per dirigersi verso Via A. Burri e Piazza Peikov, si incontrano situazioni molto pericolose:

  • Per i PEDONI il marciapiede sul lato destro della strada si interrompe improvvisamente, proprio in prossimità della curva. Il marciapiede riprende sul lato opposto, a sinistra, ma è impossibile passare dall'uno all'altro senza rischiare letteralmente la vita.


    arrivando alla fine del marciapiede di destra ci si trova davanti un muro


    passare intorno alla curva è estremamente pericoloso


    chi passa da un marciapiede all'altro lo fa a suo rischio e pericolo


    foto dal lato opposto:
    i marciapiedi sono irragiungibili l'uno dall'altro

  • I VEICOLI (oltre a rischiare di investire i pedoni di cui sopra) volendo svoltare a sinistra su Via A. Burri trovano la visibilità ostruita dalla stessa curva e non riescono a vedere per tempo i veicoli che sopraggiungono da destra, da Via del Casale Ferranti.

    E' assolutamente indispensabile e urgente, pertanto, intervenire su questo incrocio per risolvere il problema.


    chi deve girare a sinistra non vede chi sopraggiunge da destra


    serve assolutamente un intervento urgente

    E' indispensabile ricavare spazio per proseguire il marciapiede lungo tutta la curva tra Via S. Nicola dell'Alto e Via del Casale Ferranti.


    qui va realizzato il marciapiede che manca

    Una possibile soluzione è quella di ridisegnare opportunamente l'incrocio:

    a) - modificando gli spartitraffico esistenti e trasformando l'incrocio in un normale "incrocio a T";

    b) - rialzando tutta l'area dell'incrocio allo stesso livello dei marciapiedi: in questo modo si otterrebbe un unico piano stradale rialzato, sul quale automobilisti, pedoni e ciclisti sarebbero "costretti" a prestare maggior attenzione gli uni verso gli altri, favorendo così il passaggio sicuro di tutti.

    Questa soluzione (già realizzata con effetti positivi in tanti paesi europei), obbligherebbe tutti i veicoli a ridurre la velocità e renderli consapevoli che il Raccordo è finito e che si sta entrando in un quartiere abitato, dove bisogna attenersi a regole diverse da quelle di un raccordo autostradale.

    Tutti, a quel punto, potrebbero transitare nell'incrocio ed attraversarlo con maggiore sicurezza e tranquillità.

    Qui si puņ vedere la scheda n. 12 facente parte degli elaborati del "Piano di Quartiere".

    Esempio di incrocio "rialzato":

     


    Altre problematiche in Via del Casale Ferranti:

    Via del Casale Ferranti presenta - nel tratto tra il Deposito Metro e l'incrocio con Via A. Burri - altre situazioni problematiche:

  • la mancanza di un marciapiede non consente ai pedoni di transitare in sicurezza, ed i parapedonali laterali non costituiscono di certo un valido sostitutivo (peraltro, alcuni sono mancanti perché divelti da tempo).
    C'è da segnalare, comunque, che la BCC sta realizzando, sulla propria area di pertinenza, un parco archeologico, con contestuale costruzione di un marciapiede in prossimità dell'incrocio con Via Mario Broglio.
    Auspichiamo che il marciapiede possa essere realizzato per tutta la via, fino al Deposito Metro.

  • spesso quel tratto di strada ha l'illuminazione spenta (non dimentichiamo che in una sera piovosa di qualche anno fa, in analoghe circostanze di mancanza di marciapiede e di illuminazione spenta, un ragazzo del quartiere morì investito).

  • altro punto critico è la curva in corrispondenza del Deposito Metro, sulla quale i veicoli sopraggiungono a forte velocità, con estremo pericolo per chi si trova ad entrare o uscire dalla Chiesa o dagli esercizi pubblici, posti subito dopo la curva stessa.


  • Torna alla Pagina iniziale
  •